Il blog dei Musei Civici
di Varese
a cura di SULL'ARTE

 

STEMMA H colore comune

 

varesecultura

 

sullarte     

 

 

 

Seguici anche suinstagram

 

Leo Spaventa Filippi, La Madre, 1959

spaventafilippi la madre 1959Varesino d’adozione durante la seconda guerra mondiale, Leo Spaventa Filippi si formò in realtà nel salotto milanese della casa paterna, frequentato da artisti e intellettuali. Dopo una serie di vicissitudini espositive, l’opera in questione venne donata nel 1970 dal pittore al Comune di Varese. Il dipinto rappresenta la madre dell’artista, Antonietta Marra, mentre è assorta nella lettura di un libro nella sua casa: un soggetto domestico e intimo dunque, come quelli che spesso Spaventa Filippi amava illustrare. Il pianoforte, i quadri, i libri sparsi per la stanza, la frutta: tutto concorre alla restituzione di un ambiente familiare abitato non a caso dalla madre. Pennellate veloci e vibranti rimandano a certa pittura postimpressionista alla Bonnard, giocata in questo caso su un dialogo tra complementari contrastanti tra loro, seppur delicati e leggeri.

Se vuoi saperne di più, consulta il catalogo del Museo e in particolare la scheda a cura di Sara Fontana.

Visit

Questo sito utilizza Cookies per fini statistici e di analisi del traffico. Cookies Policy