Il blog dei Musei Civici
di Varese
a cura di SULL'ARTE

 

STEMMA H colore comune

 

varesecultura

 

sullarte     

 

 

 

Seguici anche suinstagram

 

labo2

IMPARO & MI DIVERTO racconta il nostro modo di lavorare con i bambini e i ragazzi.
Scopri con noi quante cose si possono fare al museo!
 

Per tutte le informazioni pratiche consulta Istruzioni per l'uso.

 


Sei un insegnante?

Porta i tuoi studenti alla scoperta dei nostri musei. Conosceranno dipinti e sculture, impareranno la storia attravero l'arte e scopriranno Varese.

Fai clic sulle immagini per scaricare i libretti in formato pdf

 

museidivarese didattica nidi museidivarese didattica infanzia primarie museidivarese didattica secondarie museidivarese didattica risorgimento
Didattica Nidi

Didattica Infanzia
e Primarie
Didattica Secondarie
1° e 2° grado
Didattica
Risorgimento

 


Siete una famiglia?

Il museo è il posto giusto dove portare i bambini!
Una domenica al mese abbiamo l'appuntamento che fa per voi: visite guidate a misura di bambino e laboratori artistici.
Non solo! Un sabato al mese potrete divertirvi con i nostri laboratori in inglese.

Fai clic sulle immagini per scaricare le locandine in formato pdf

masnago hocus lotus 2015
Hocus & Lotus

 

 


Vuoi trascorrere un compleanno speciale?

Vieni al Castello di Masnago e organizza la tua festa! Tu e i tuoi amici diventerete per un giorno signori del castello, scoprendo i suoi segreti e vivendo una magica avventura.
E per una festa diversa dal solito, prenota il tuo compleanno in inglese.

Fai clic sulle immagini per scaricare i libretti in formato pdf

 museidivarese compleanni castello  museidivarese compleanni storytelling
Feste di compleanno

Feste di compleanno
in inglese

 


Segui tutte le nostre attività...

La collezione di opere d'arte del Castello di Masnago offre diversi spunti per coinvolgere i visitatori più giovani in nuove e sempre avvincenti avventure, come un bel viaggio in fondo al mare.
A bordo del sottomarino Nautilus o armati di maschera e boccaglio andiamo alla scoperta di cosa si nasconde negli abissi più profondi. Immersi tra le opere di Enrico Baj incontreremo alghe, pesci variopinti, serpenti marini e creature mostruose; conosceremo storie di tesori perduti e gelosamente custoditi. Siete pronti a salpare con noi?

baj001


Scuola dell'Infanzia: "Avventura negli Abissi"

Visita alle opere di Enrico Baj.
Attività in laboratorio: realizzazione di un paesaggio sottomarino.

 

 


baj002
Scuola Primaria: "Mondi sommersi"

Visita alle opere di Enrico Baj.
Attività in laboratorio: realizzazione di un mobile con gli strani oggetti incontrati.

 

 

baj003


Feste di Compleanno: "Una maschera nella torre?!"

Visita alle opere di Enrico Baj.
Attività in laboratorio: realizzazione di una simpatica maschera con materiali diversi.

wave002"Wave" è un silent book (in inglese chiamati wordless books) illustrato da Suzy Lee nel 2008. La trama è di per sé molto semplice: è la storia di una bambina che, forse, incontra per la prima volta il mare. Appena lo vede, corre verso l'acqua, felice, si scosta quando arriva una piccola onda, cerca di impaurirla, la osserva infrangersi a riva e poi ci sguazza dentro, felice.
Finché un'onda più grande arriva e la mette in fuga, la inzuppa e poi, ritirandosi, rivela un tesoro prezioso: conchiglie meravigliose con cui giocare ancora un po', prima che arrivi il momento di andare, di salutare il mare con un wave003dolce arrivederci.

"Wave" (L'Onda in italiano, edito da Corraini) è uno di quei libri speciali, che non ha parole e che, per questo, può essere letto e riletto ogni volta in modo diverso, a seconda di come ci sentiamo; è un libro che possiamo, e dobbiamo, lasciar "leggere" ai nostri bambini, che ci stupiranno con la loro immaginazione e con le loro storie.

Leggi tutto...

Illustrated by Erin E. Stead

28-04-2015-storytelling 00006

28-04-2015-storytelling 00003It is winter and it is still cold. A young boy and his friends, a dog, a turtle and a rabbit, think that they have had enough of all that brown and decide to plant a garden. They dig, they plant, and they wait .... and wait .....and wait, but nothing happens. They wait, they watch and they worry for the little seeds that they have planted.
Did the birds eat the seeds? Did the big bears trample them? "Please, do not stomp here – there are seeds and they are trying", reads a sign driven in the ground.

Week after week, the boy and his friends watch the brown turn into a "hopeful brown" and finally change to a green of spring.
Their patience is rewarded: in the end, as seeds bloom, trees blossom and the earth turns green, and the little boy can sway happily in his tyre swing.
The beauty of this book and of the story lies in the details. To start with, the title on the front cover draws the main colours celebrated in the story: the brown for winter and the green for the birth of spring. Then: the red scarf flying in the wind as the boy faces the bleakness of winter, the rabbit watering the plants, the dog standing by attentively and later sleeping peacefully, the turtle wearing a matching hat, the subtle changes of the sky and, last but not least, the depiction of the maze of life that exists beneath the earth's surface.

Leggi tutto...

12 04 15masnago domenica 00001Parlando di "stampa" con i più piccoli, figli della tecnologia di ultima generazione, ci si accorge che la loro mente vola alla parola scritta sullo schermo del computer, che permette, cliccandovi sopra, di avere tra le mani e in breve tempo l'immagine o il testo desiderato. Diversi sono la stampa d'arte e il lavoro dello stampatore e lo abbiamo capito bene con un gruppo di giovani visitatori domenica 12 Aprile 2015, in occasione del consueto appuntamento con le "Domeniche al Castello".

12 04 15masnago domenica 00004Approfittando della mostra "AD ARTE, PER L'ARTE. Roberto Giudici, una vita dedicata alla Stampa d'Autore" in corso al Castello di Masnago, ci siamo addentrati per un po' in questo nuovo mondo per poi trasformarci in stampatori per un pomeriggio. Aiutandoci con alcune delle stampe esposte e evidenziandone le differenze abbiamo ricostruito i diversi momenti relativi alla creazione di una stampa e qualche tecnica: partendo dalla realizzazione della matrice in legno, metallo o pietra, si passa poi alla scelta e alla stesura degli inchiostri; infine, la presenza in mostra di un vero torchio è stata utile per meglio comprendere l'ultimo passaggio, cioè la stampa vera e propria. Il tutto avviene manualmente e richiede tempi piuttosto lunghi; indispensabili sono poi la bravura e l'esperienza dello stampatore, una professione che abbiamo provato ad accostare e apprezzare.

Leggi tutto...

a-taste-of-the-moonDa molto tempo un gruppo di animali, incuriosito dalla luna e dal suo misterioso sapore, vorrebbe sapere se sia dolce o salata e per questo cercano di raggiungerla in tutti i modi, ma invano.

Una notte di luna piena, la tartaruga, che secondo la mitologia supporta il mondo, decide di arrampicarsi sulla montagna più alta che ci sia, nella speranza di essere abbastanza vicina da toccarla e assaggiarla. Arrivata in cima, la tartaruga scopre che effettivamente la luna è più vicina, ma ancora non accessibile.
Decide quindi di chiamare l'elefante e di invitarlo a salire sulla propria schiena: sicuramente l'elefante con la sua lunga proboscide potrà raggiungerla senza difficoltà.
Ma la tartaruga non ha messo in conto che la luna sta iniziando a divertirsi e non appena l'elefante le si è avvicinato, lei si è allontanata verso l'alto di un pochino.
Allora la tartaruga decide di chiamare tutti gli altri animali, e uno dopo l'altro, uno sulla schiena dell'altro, tentano questa impresa. Ma la luna ormai ci sta proprio prendendo gusto: ogni volta che vede avvicinarsi un animale, lei si alza in cielo, sorridendo divertita.
Finché l'ultimo animale, un topino piccolo piccolo riuscirà nell'impresa lasciando la luna con un'espressione di stupore e di meraviglia.
E che gusto ha la luna? Ha il sapore di ciò che ogni animale preferisce!

Leggi tutto...

14-03-15storytelling 00003"Stuck" is a hilarious story about a boy, Floyd, who gets his kite stuck in a tree: of course he is determined to get it out. But how? Well, by knocking it down with his favourite shoe, of course. But strangely enough, it gets stuck, too.
The story follows Floyd in his not-so-logical thinking around how to get the kite down: he comes up with many other strange and wonderful objects to throw up there!
Page after page something, or someone, new ends up stuck and each character o object is more colourful and more outrageous than the one that came before it.

The illustrations are fun and original, mannered in a style which looks like the doodles and the drawings of a young child. The word also are written in a messy sort of cursive.
The pages change colour to match the mood whatever is taking place at that time, bringing Floyd's emotions to life and finding a harmonous balance between form and content.

Leggi tutto...

castello-masnago-1marzo15 00009Che ci fa un lupo verde sopra un tetto? E un serpente marino dentro un forziere pieno di tesori? Quanti strani personaggi si possono incontrare in un pomeriggio al museo!
È così che il 1° marzo abbiamo trascorso la nostra domenica in compagnia delle famiglie che hanno scelto di visitare il Castello di Masnago.
Avventurandoci tra le sale del museo siamo andati alla scoperta di alcuni dipinti per scoprire dove abitano i personaggi delle opere d'arte. Il nostro viaggio, sospeso tra realtà e fantasia, ci ha condotti dal lago di Varese fino alle strade di Venezia, dai colori caldi e rassicuranti della primavera ai paesaggi innevati dell'inverno, fin giù nelle profondità degli abissi, popolate di coralli luccicanti e facce curiose dagli occhi di diamante...

Leggi tutto...

paglianoUn'occasione speciale per i ragazzi delle scuole secondarie e per i loro insegnanti!
Per i percorsi didattici alla Sezione Risorgimentale di Villa Mirabello si potrà usufruire dell'ingresso gratuito da ora fino alla fine della scuola.
Perché non approfittare di questa occasione per conoscere una pagina così importante del Risorgimento a partire dall'analisi del dipinto di Eleuterio Pagliano, arricchendola con la proiezione dello spettacolo multimediale e con il confronto con documenti d'epoca e cartine storiche?
Come era il detto? "Se ascolto dimentico, se guardo capisco, se faccio imparo".

Per prenotare e conoscere costi e disponibilità basta chiamare l'ufficio didattica al numero 0332.255473 o scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
I percorsi hanno la durata di una o due ore e possono concludersi con la visita al Lapidario di Palazzo Estense; puoi trovarli nel dettaglio qui: Infanzia e Primaria oppure Secondaria di 1° e 2° grado.

little-red-001Avete mai pensato che Cappuccetto Rosso potesse salvarsi da sola dalle grinfie del lupo, con gran classe e stile? Marjolaine Leray, scrittrice ed illustratrice francese, sì!
In questa breve ma sconvolgente versione della celebre fiaba classica non compaiono la nonna e il cacciatore, nè tantomento l'ambientazione cupa e paurosa del bosco.
Cappuccetto Rosso è una piccola bambina scaltra, ingeniosa e per nulla impaurita dal lupo, che rimane invece "big and bad" ma si rivela decisamente stupido.

La storia entra subito nel vivo del racconto: Red intavola il dialogo che è per tradizione della nonna allettata nella sua casetta in mezzo al bosco, ma quando il lupo si svela con la sua famosa frase: "per mangiarti meglio!!!", la piccola risponde, in maniera del tutto composta e tranquilla: "No! Hai un alito puzzolente".
Gentilmente gli offre una caramella e il lupo non riuscirà a far altro che strozzarsi e morire all'istante.
L'ultima parola di Little Red sarà: "fool!"

Leggi tutto...

01 03 15domenica masnago 00003Domenica 1 febbraio 2015, nell'ambito del ciclo "Le domeniche al castello", abbiamo esplorato il museo in modo insolito: invece di guardare cosa rappresentavano le opere d'arte ci siamo concentrati su ciò che stava loro intorno, le cornici.
Con un bel gruppetto di bambini, molti dei quali per la prima volta al castello, abbiamo cercato di capire cos'è e a cosa serve una cornice. La sua forma, quadrata o rettangolare che sia, oltre a sostenere e abbellire i dipinti non è per nulla diversa da oggetti a noi familiari come una finestra, una specchio o una televisione; allo stesso modo la cornice permette di vedere qualcosa di bello e nuovo che il pittore ha creato per noi.

Leggi tutto...

Visit

Questo sito utilizza Cookies per fini statistici e di analisi del traffico. Cookies Policy