Il blog dei Musei Civici
di Varese
a cura di SULL'ARTE

 

STEMMA H colore comune

 

varesecultura

 

sullarte     

 

 

 

Seguici anche suinstagram

 

2016masnago casula004bisL’esperienza teatrale proposta il 24 gennaio dagli studenti del Casula si è svolta in questo modo: 11 ragazzi hanno accompagnato 11 visitatori bendati - con il sottofondo di una voce narrante - davanti a un'opera che hanno descritto sussurrando all'orecchio della propria persona accompagnata.
In seguito i ragazzi e i “non vedenti” si sono seduti uno di fronte all’altro invertendo poi i ruoli mentre la narrazione proseguiva e si concludeva con un momento in cui gli studenti hanno disegnato ad occhi chiusi. Infine gli spettatori hanno partecipato ad un breve laboratorio in cui hanno dovuto riconoscere l'opera descritta e hanno provato anch’essi a disegnare con gli occhi chiusi.

 

2016masnago casula003

Ecco i pensieri dei ragazzi:

“Inizialmente ero piuttosto scettica perché sono una persona molto insicura e non credevo fosse un'esperienza fatta per me ma vedere l'immediata fiducia di una persona qualsiasi nel farsi guidare con gli occhi bendati è stato avvero emozionante”. Giulia D.

”È stata un'esperienza unica che non ci è concesso tutti i giorni di vivere, per questo sono contenta di avere partecipato e grata a tutti coloro che hanno reso possibile questo progetto. La soddisfazione e la gioia di aver creato qualcosa di luminoso e prezioso, i sorrisi e gli abbracci ricevuti e donati alla fine del percorso da parte di spettatori conosciuti e non, hanno avuto la meglio sulla stanchezza finale. Grazie di aver reso possibile tutto ciò”. Clara

”L'esperienza vissuta al castello di Masnago è stata indimenticabile, la cosa più entusiasmante è stato lo spettacolo organizzato da Dario Villa che ha permesso a ciascuno di noi di scoprire meglio i nostri lati artistici-creativi, oltre le persone che ho conosciuto con le quali ho vissuto emozioni fantastiche”. Riccardo

2016masnago casula0052016masnago casula007”Quando tutto è finito ero molto felice del risultato ottenuto tutti insieme, ma nello stesso tempo ero un po' triste perché è stato talmente bello stare tutti insieme per così tanto che non sarò a star da sola. Le persone che ho conosciuto qui sono persone fantastiche e mi mancheranno tutti, le ringrazio tantissimo. Esperienza bellissima, unica e molto istruttiva. Rifarei tutto da capo!!!!” Francesca Ca.

”È stata un'esperienza molto emozionante e divertente che mi ha permesso di condividere momenti toccanti con persone che non conoscevo. Penso che sia davvero incredibile come certe esperienze possano unire persone completamente sconosciute”. Gaia

È stata una bella esperienza e sono contenta di aver potuto far provare emozioni più o meno forti agli spettatori. Questo progetto ha fatto provare molte emozioni anche a me attraverso i vari laboratori che ci hanno catapultato, anche se per brevi momenti, nel mondo dei ciechi”. Giorgia

È stata un'esperienza fantastica e molto istruttiva a parer mio, mi è servita molto perché mi ha aiutato a capire un “mondo” diverso: la cecità. Un modo diverso di guardare e sentire le cose che non vediamo. È una sensazione strana, ma da provare assolutamente”. Francesca Ci.

2016masnago casula008“Appena iniziato lo stage al Castello non avevo nessuna idea di come potesse essere, e forse non aspettarsi nulla ti sorprende proprio come è successo a me. È stata un'esperienza particolare, una novità per me che mi è piaciuta moltissimo. Piano piano prendevo il ritmo delle giornate e lo facevo in modo positivo, ironico e serio quando si richiedeva serietà. Per la prima volta ho scritto un blog, abbiamo espresso le idee per varie foto e volantini per lo spettacolo. È stato bellissimo svolgere lezioni di teatro con il mio vecchio insegnate Dario Villa, ho amato ogni piccolo particolare delle lezioni dell'arte che ci hanno fatto Daniele Cassinelli ed Emanuela Bertoni. Sono felice di aver scelto questo posto e penso proprio che un po' mi mancherà”. Giulia B.

È stata un'esperienza veramente emozionante, alla fine dello spettacolo mi sono sentita sollevata, ma anche un po' triste perché mi sono trovata davvero bene con tutte le persone con cui ho lavorato. Questa esperienza è stata anche istruttiva, ho imparato tante cose nuove e ho anche scoperto che mi piace la recitazione, grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato”. Francesca G.

”Lo spettacolo è stato carino e a parte il “primo scivolone” tutto è filato liscio come l'olio. Nonostante il poco tempo e le brevi spiegazioni tutti hanno capito ed apprezzato il lavoro la stanchezza abbiamo retto fino alla fine. È un'esperienza che mi ha colpita e che rifarei volentieri. Guidare ed essere guidati da persone anche sconosciute è stato un qualcosa di così particolare... Sono contenta di aver preso parte a tutto questo”. Chiara

Visit

Questo sito utilizza Cookies per fini statistici e di analisi del traffico. Cookies Policy