Il blog dei Musei Civici
di Varese
a cura di SULL'ARTE

 

STEMMA H colore comune

 

varesecultura

 

sullarte     

 

 

 

Seguici anche suinstagram

 

Il primo settembre è sempre un nuovo inizio.
E allora buon anno.
Ai bambini e ai ragazzi delle nostre scuole e a quelli che incontreremo al museo.
Ai nostri figli e ai figli degli altri, di tutti gli altri.
Che il tempo e i luoghi della scuola siano proprio come quelli raccontati qui.
E noi che siamo grandi, diamoci da fare.

2015 scuola002“Sono infatti convinto che la scuola, se ha l’ambizione di educare alla libertà, non deve imitare ciò che accade nella società, ma operare per contrasto, in modo critico e concreto. Se vuole essere luogo di creazione culturale aperto al futuro, non deve appiattirsi sul presente.

Se tutti passano ore ed ore incollati a schermi di ogni dimensione, dobbiamo delimitare un luogo protetto dove osservare le cose più semplici come un albero, la pioggia, la luce del sole che muta i colori delle cose al passaggio delle nuvole.

Se si tende a vivere in luoghi asettici totalmente artificiali, bisogna trovare il modo di sporcarsi con i colori, toccare la terra e piantare, anche in un piccolo giardino o perfino in un vaso, qualche seme che non sappiamo se nascerà.

Se cresce la fretta di ottenere istantaneamente risposte e risultati, dobbiamo coltivare l’attesa, che è il lievito necessario di ogni ricerca ed una dimensione che permette la sorpresa.

Se ogni spazio è troppo pieno di oggetti e suoni e continui movimenti di immagini, è importante fare un po’ di vuoto intorno e di silenzio, per dare respiro all’ascolto delle voci più tenui e sottili.

Se si parla per frasi smozzicate e parole buttate lì alla rinfusa, è importante creare occasioni per discorrere, argomentare e praticare l’arte del dialogo, che si fonda sull’ascolto reciproco e una lenta costruzione della capacità di pensare insieme.

Se tutti corrono, ci vuole un luogo dove poter andare lenti, dove trovare il tempo necessario per non fare le cose di fretta e con superficialità. Se andiamo lenti e abbiamo la pazienza di tornare e ritornare più volte alle stesse domande, aumentano le possibilità che arrivino tutti e, forse, si creano le occasioni per incontrare davvero profondamente qualcosa”

(Franco Lorenzoni, I bambini pensano grande. Cronaca di una avventura pedagogica, Sellerio editore Palermo 2014)

2015 scuola003

Visit

Questo sito utilizza Cookies per fini statistici e di analisi del traffico. Cookies Policy