Il blog dei Musei Civici
di Varese
a cura di SULL'ARTE

 

STEMMA H colore comune

 

varesecultura

 

sullarte     

 

 

 

Seguici anche suinstagram

 

001 keith haring allestimento udineFoto dall’esposizione “Keith Haring. Extralarge”, ex chiesa di San Francesco, Udine, 2 settembre 2012-15 febbraio 2013


002 keith haring libroCome scrive Fernanda Pivano, “ah, Keith Haring. Come si fa a parlare di lui senza ricordare che è morto a trentun anni.”
Di anni ne aveva 26, quando rilasciò un’intervista in occasione dell’esposizione della sua opera Dieci comandamenti, allestita al Musée d’art contemporain di Bordeaux.
La domanda è particolarmente tosta, la risposta ancora di più.
Chapeau, Keith.

“A tuo avviso un artista deve svolgere un ruolo politico o sociale?”
“Penso che un artista debba il più possibile occuparsi di problemi politici e sociali, ed esprimere il più apertamente possibile le proprie idee. Quanto a me, talvolta lo faccio spingendo le cose all’estremo. Di fronte a persone che cercano di chiudere gli occhi su argomenti come la sessualità o la violenza, ad esempio, reagisco cercando di essere il più esplicito possibile. Un artista le cui immagini vengono viste in tutto il mondo deve esser consapevole di cosa questo significhi, di quanto quelle immagini possano influenzare chi le guarda. Ma l’arte non è mai propaganda; dev’essere qualcosa che liberi l’anima, che stimoli l’immaginazione, che incoraggi la gente a vivere. L’arte celebra l’umanità, non è mai manipolazione.”

Le citazioni sono tratte da Keith Haring, L’ultima intervista, Abscondita 2010.

Visit

Questo sito utilizza Cookies per fini statistici e di analisi del traffico. Cookies Policy